Crea sito


N.B. I contenuti di questo sito sono concessi in licenza con una licenza internazionale Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 . [Licenza Creative Commons]

PAGINA WORK IN PROGRESS

Il sito www.europaperigiovani2014.altervista.org

Ideato e creato nel 2014 dalla prof.ssa MARIA VITTORIA MULLIRI per raccogliere e rendere fruibile da parte di docenti, discenti, dirigenti, educatori interessati materiali inerenti al Progetto "L'EUROPA PER I GIOVANI. DOVE VA L'EUROPA?L'EUROPA VICINA" svolto nell' a. s. 2013-14, il sito viene successivamente destinato alla condivisione dei progetti curati dalla stessa sia negli anni precedenti che in quelli successivi su temi attinenti all'Unione Europea e, a partire dall'anno scolastico 2020 - 21, su tematiche di cultura "glocal" nell'ambito di United Peacers e del "PROGETTO PILOTA DI EDUCAZIONE CIVICA NUOVO UMANESIMO".     

Prof.ssa Maria Vittoria Mulliri

Docente di Materie letterarie e Latino presso il Liceo Scientifico "G. Galilei - T. Campailla" di Modica

Referente di Educazione civica dell'Istituto (Licei Scientifico, Classico e Artistico) nell'a.s. 2020 - 2021

Referente del Progetto pilota di Educazione civica "Nuovo Umanesimo" a.s. 2020-21

Coordinatrice del Dipartimento Educazione Civica per un Nuovo Umanesimo e la Pace di United Peacers (Sezione Esperienza pilota per gli istituti superiori di secondo grado) con la collaborazione della Presidenza, del Corpo Docente e degli Studenti dei Licei Scientifico, Classico e Artistico dell’I.I.S. “G. Galilei- T. Campailla” di Modica (RG).   

PROGETTO PILOTA di Educazione civica "Nuovo Umanesimo".

A. S. 2020 - 2021

 ESCAPE='HTML'

VISITA le PAGINE del SITO dedicate al PROGETTO collegandoti attraverso i LINK seguenti, presenti anche nella BARRA LATERALE e in fondo alla HOME PAGE

LINK:

"Educazione civica per un nuovo umanesimo"

L'articolo pubblicato su "Fiamme d'Argento", la rivista dell'Associazione Nazionale dei Carabinieri (n. gen./feb. 2021 - circa 200.000 copie distribuite).

Giornata internazionale dell'Educazione delle Nazioni Unite. L'allarme dell'Unesco: nel mondo 258 milioni di ragazzi non frequentano la scuola e 617 milioni non sanno leggere. Dalla Sicilia l'esperienza pilota promossa dall'Istituto "Galilei - Campailla" di Modica

AUTORE - TESTI E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LA RIVOLUZIONE GLOBALE PER UN NUOVO UMANESIMO di O. PARISOTTO. L'Autore e l'Opera:

VEDI LE 11 SLIDES NELLA SLIDESHOW SEGUENTE:

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11

1. LA RIVOLUZIONE GLOBALE PER UN NUOVO UMANESIMO - RECENSIONE

La rivoluzione globale per un Nuovo Umanesimo – Le vie d’uscita dalle emergenze planetarie, testo inedito di Educazione civica. A cura di Maria Vittoria Mulliri, docente di Materie letterarie e Latino presso il Liceo Scientifico dell’I.I.S. “G. Galilei – T. Campailla” – Modica e Coordinatrice della sezione “Esperienza pilota per gli istituti superiori di secondo grado” del Dipartimento di Educazione civica di United Peacers.

Con le sue 395 pagine, l’opera, che rientra nel genere saggistico, è il frutto maturo dell’impegno di un Uomo dai nobili ideali e dalla grinta straordinaria che dedica la propria esistenza allo studio dei diritti umani, acquisisce molteplici e significative esperienze come funzionario del Parlamento Europeo, fondatore e presidente di Unipax (Unione mondiale per la pace e i diritti fondamentali dell’uomo e dei popoli, ONG internazionale associata al Dipartimento della pubblica informazione delle Nazioni Unite), Responsabile – Coordinatore del Comitato Promotore del Progetto di United Peacers – The World Community for a New Humanism.

Nel suo impareggiabile lavoro articolato in due parti, Parisotto, quale novello Virgilio dantesco, si presenta alla Lettrice/al Lettore e la/lo conduce, attraverso i nove capitoli che formano la prima parte, ad acquisire coscienza dei gravi problemi, i “virus” economico -finanziari, socio- politici, ecologici e della sicurezza emersi da un processo di globalizzazione senza regole e che, come “fiere” nella “selva oscura”, ostacolano il viaggio dell’intera umanità verso il nuovo Umanesimo, minacciandola con nuove subdole forme di schiavitù lesive dei diritti fondamentali e mettendo a rischio l’esistenza stessa del nostro pianeta nell’universo del Terzo Millennio.

Illustrate contestualmente le richieste che emergono con forza dai cittadini onesti di tutto il mondo ed espressa la necessità che le istituzioni del sistema politico internazionale procedano alla “democratizzazione della globalizzazione” adottando i principi della “democrazia cosmopolita”, di cui l’Unione Europea, nel capitolo 7° ad essa interamente dedicato, è indicata come l’esempio più avanzato e concreto di interpretazione, lo studioso introduce il Lettore nella seconda parte dell’opera - otto capitoli più le Appendici- in cui le concrete vie percorribili proposte per avviare un Rinascimento internazionale lo rinfrancano e lo motivano all’impegno: occorre che i milioni di operatori di pace (Peacers) di tutti i continenti si raccordino (United Peacers) sfruttando la rete e occorre che tutti insieme si cominci a lavorare contribuendo fattivamente a salvare il pianeta, contrastando la globalizzazione selvaggia, e che, attraverso una Rivoluzione globale pacifica, si dia insieme l’avvio alla realizzazione di quel Nuovo Umanesimo che riporti al centro l’uomo e i suoi valori di democrazia e di pace sotto l’egida di un’ONU rinnovata democraticamente.

Un progetto, quello proposto nel saggio, che illumina la vita dell’uomo di quella luce cui Virgilio condusse Dante consegnandolo a Beatrice; luce di speranza che può concretizzarsi nella realizzazione di un Nuovo Umanesimo attraverso un moderno corso di Educazione civica che avvii quel “nuovo corso educativo” indicato dall’autore nel 13° capitolo dell’opera, come una colonna del tempio del Nuovo Umanesimo. Un nuovo insegnamento di educazione civica che, coinvolgendo i docenti delle diverse discipline, parta dallo studio metodico della Costituzione del proprio Stato (facendo capire come esso è organizzato, come partecipare alla vita sociale e politica, quali sono i propri doveri e i propri diritti) e dall’analisi della società territoriale locale in cui si vive si estenda poi alla dimensione regionale, alle caratteristiche della società nazionale e quindi all’analisi continentale, per toccare infine i grandi problemi planetari e le istituzioni inter e sovranazionali esistenti. E, nell’ interdipendenza globale in cui si vive oggi, prepari altresì al corretto uso dei nuovi media e più in generale della rete, così come a conoscere il ruolo e il funzionamento di organismi e istituzioni internazionali e convertirli in strutture democratiche in modo da regolamentare la globalizzazione in atto a vantaggio di tutti i popoli e non solo di poche élite; fornendo, infine, fin dalla scuola dell’obbligo, nozioni di economia e in particolare di etica economica per facilitare la comprensione del complesso mondo dell’economia moderna che tanto incide sulla vita di tutti i giorni.

Un moderno corso di educazione civica quello delineato e auspicato dallo studioso in linea sia con la Legge 92/2019 che con l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile del 2015; un corso per il terzo millennio (adatto in particolare agli studenti del triennio finale delle scuole secondarie di secondo grado) che indica le possibili vie d’uscita dalle attuali problematiche, in particolare da quelle legate all’uso delle nuove tecnologie.  

La scrittura chiara, coinvolgente ed efficace e la triplice veste editoriale (formato cartaceo, e- book, pillole) conferiscono modernità, originalità e validità didattica all’opera inedita di Educazione civica La rivoluzione globale per un nuovo umanesimo, cui attingere a piene mani per formarsi e per formare alla cittadinanza attiva in ottica globale e contribuire alla realizzazione dello straordinario Progetto di Rinascimento proposto dall’autore, rivolgendo a quanti lo ritengano utopistico il monito dell’antropologa statunitense Margaret Mead (1901-1978) “Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l’unica cosa che è sempre accaduta”.

2. LA RIVOLUZIONE GLOBALE IN PILLOLE - RECENSIONE

La Rivoluzione Globale in pillole.

A cura di Maria Vittoria Mulliri, docente di Materie letterarie e Latino presso il Liceo Scientifico dell’I.I.S. “G. Galilei – T. Campailla” di Modica e Coordinatrice della sezione “Esperienza pilota per gli istituti superiori di secondo grado” del Dipartimento di Educazione civica di Unite Peacers.                       

Un’opera poderosa La Rivoluzione Globale per un Nuovo Umanesimo – Le vie d’uscita dalle emergenze planetarie da cui prende vita La rivoluzione globale in pillole, una sintesi dei contenuti del testo corredata di immagini articolata in due parti, con presentazione iniziale e conclusioni dell’Autore; trenta “pillole” di grande efficacia comunicativa e di coinvolgimento operativo.

Apre la prima parte una dedica ai giovani “per motivarli a sperare ancora, a credere nella costruzione di un mondo diverso e migliore, collaborando insieme per un Nuovo Umanesimo”. Seguono la presentazione del progetto assolutamente innovativo, interdisciplinare, globale e coordinato che propone una Rivoluzione globale pacifica per avviare un nuovo corso della storia basato sul rispetto dei diritti fondamentali, la civile convivenza e la pace, attraverso adeguate istituzioni sovranazionali democratiche, e l’illustrazione dei quindici “virus” (Neoliberismo, Capitalismo finanziario, Corsa agli armamenti, Nuove armi di distruzione di massa, Povertà, Perdita della libertà e violazione della privacy, Sfruttamento ambientale, Sfruttamento del lavoro con disoccupazione e precariato connessi, Sistema finanziario malato e speculazione selvaggia, Grande Evasione fiscale, Nuove schiavitù, Droghe vecchie e nuove, Indifferenza) che affliggono la nostra umanità.

L’ultimo, l’Indifferenza, è quello più allarmante, ultimo solo nell’ordine di presentazione, rappresentando, di fatto, la più grave, attuale minaccia alla democrazia e ai diritti umani: già Montesquieu, nel Settecento, ne sottolineava la pericolosità affermando che “La tirannia di un principe in un’oligarchia non è pericolosa per il bene pubblico quanto l’apatia del cittadino in una democrazia”; pericolosità sovente ribadita oggi dal Santo Padre e da altre autorevoli personalità e tale da spingere lo Stato italiano a emanare una Legge, la N. 92 del 20 agosto 2019, che, a partire dall’anno scolastico 2020 – 2021, introduce l’insegnamento dell’Educazione civica nella scuola fin dal primo ciclo.

L’indifferenza funge da trait d’union tra la prima e la seconda parte del lavoro, in cui l’autore indica concretamente le vie percorribili per uscire dalle emergenze del Terzo Millennio attraverso una seconda serie di pillole (ONU terzo millennio, Regolamento per la civile convivenza, La Maxi- petizione, La Carta universale dei Doveri fondamentali, Albo mondiale degli operatori di pace, Scienza e tecnologia per la vita e non per la morte, Nuovo corso educativo per il terzo millennio, Nuovo corso informativo, Democrazia partecipativa, L’apporto della donna, Nuovo diritto internazionale) e sprona i giovani a prendere coscienza dell’impellente e ormai inderogabile necessità che gli Operatori di Pace di tutto il mondo “United Peacers” si raccordino sfruttando la rete e contribuiscano fattivamente a salvare il pianeta, contrastando la globalizzazione selvaggia, principale responsabile dei “virus” del nostro tempo, e, attraverso una Rivoluzione globale pacifica, diano insieme l’avvio alla realizzazione di quel Nuovo Umanesimo che riporti al centro l’uomo e i suoi valori di democrazia e di pace sotto l’egida di un’ONU rinnovata democraticamente. 

Il nostro pianeta – sostiene l’Autore nella Presentazione - è una “navicella spaziale” i cui abitanti sono interdipendenti tra loro e accomunati da un unico destino; la grave crisi sanitaria e socioeconomica determinata dal Coronavirus, pandemia prevista peraltro dagli scienziati, conferma tale interdipendenza e rivela l’impotenza di tutti i Paesi a contrastare questo nemico invisibile con i loro sofisticati armamenti. Le armi, di cui siamo pieni, non impediscono neppure la vergogna che un bambino ogni cinque secondi muoia di fame o per malattie facilmente guaribili; nuove subdole forme di schiavitù ledono i diritti fondamentali dell’uomo; le emergenze planetarie preoccupano in particolare i giovani tanto da renderli insicuri e spesso sfiduciati in merito al loro futuro. Ma è ancora possibile sperare e lottare insieme per un mondo migliore! Attraverso i siti www.unipax.org e www.unitedpeacers.org richiamati alla fine di ogni pillola (unitamente all’indicazione delle parti del saggio cui il virus presentato rimanda) i giovani vengono sollecitati a collaborare con proposte condivise a livello internazionale sui più gravi problemi mondiali, con la consapevolezza che “La pace non la si conquista, la si costruisce con le proprie mani, giorno per giorno con gli altri e per gli altri, insieme”. (Carlo Savini)

Le Pillole rappresentano un primo accattivante approccio al saggio in quanto agevolano il lavoro di docenti e discenti facilitandone la comprensione e stimolando gli approfondimenti.  

Unitamente all’e-book e al formato cartaceo concorrono a creare quella triplice veste editoriale che conferisce un ulteriore elemento di modernità, originalità e validità didattica all’opera inedita di Educazione civica La rivoluzione globale per un nuovo umanesimo, cui attingere a piene mani per formarsi e per formare alla cittadinanza attiva a livello globale e contribuire alla realizzazione dello straordinario Progetto di Rinascimento proposto dall’Autore, rivolgendo a quanti lo ritengano utopistico il monito dell’antropologa statunitense Margaret Mead (1901-1978) “Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l’unica cosa che è sempre accaduta”.

Presentazione sintetica del progetto UNITED PEACERS che nasce dal Saggio La Rivoluzione globale per un Nuovo Umanesimo e dalle relative Pillole.

VEDI IL VIDEO SEGUENTE:                                                                                                      

Realizzato da STEFANO MAVILLA, studente della Classe 3^C Scientifico

LEGGI IL TESTO NELLA SLIDESHOW SEGUENTE:

  • U.P.1
  • U.P. 2
  • U.P.3
  • U.P.4

MANIFESTO APPELLO PER UN NUOVO UMANESIMO.

LEGGI IL TESTO NELLA SLIDESHOW SEGUENTE:

  • M.A. 1
  • M.A. 2
  • M.A.3

PATROCINIO del Comune di Modica al Progetto UNITED PEACERS

Il Progetto UNITED PEACERS - THE WORD COMMUNITY FOR NEW HUMANISM ottiene un prestigioso riconoscimento: il Patrocinio non oneroso del Comune di Modica e l'autorizzazione all'utilizzo del logo del Comune con deliberazione della Giunta Comunale n. 32 del 23 aprile 2021. Motivazioni:

"Ritenuta la validità del progetto in questione, che mira a realizzare, in forma apartitica, aconfessionale e senza finalità di lucro, una nuova Community, concepita come "Casa Comune degli Operatori di Pace', utile per favorire la collaborazione tra i tantissimi Operatori di Pace già operanti a livello internazionale e che, a causa della frammentazione delle iniziative, spesso non riescono ad avere adeguata voce nel contesto globale; mentre potrebbero, se operanti in modo coordinato e coeso, ottenere maggior ascolto nelle richieste dirette ad affrontare le varie emergenze planetarie cui la nostra società è chiamata per preservare il futuro delle nuove generazioni e dell'intero pianeta; Ritenuto che tale progetto, per l'elevato valore morale e socio-umanitario sia senz'altro meritevole di consenso ed adesione e sia perfettamente in linea con le funzioni statutarie del Comune in senso ampio per gli importantissimi e meritori fini che si propone".

Ringraziamenti per il prestigioso riconoscimento:

In qualità di Coordinatrice del Dipartimento di Educazione civica - sezione Esperienza Pilota per gli Istituti Superiori di secondo grado di UNITED PEACERS e di Referente del Progetto pilota "Educazione Civica per un Nuovo Umanesimo" che si sta svolgendo nel nostro Istituto, esprimo i più sentiti ringraziamenti, a nome anche del D.S. prof. Sergio Carrubba, dei Colleghi che prendono parte all'iniziativa e degli Studenti, alla Dott.ssa Maria Monisteri, al Sindaco Geom. Ignazio Abbate e a tutti i componenti della Giunta Comunale per la fiducia dimostrata, che è da sprone a perseverare nell'impegno per contribuire alla realizzazione della Community internazionale degli Operatori di Pace, per un futuro di civile convivenza e di Pace attraverso la costruzione di un Nuovo Umanesimo. Prof.ssa Maria Vittoria Mulliri

Titolo

SEMINARIO informativo - formativo sull' 'UNIONE EUROPEA- Liceo Scientifico "G. Galilei - T. Campailla"- Modica -21 marzo 2019

 ESCAPE='HTML'

RIPRESA INTEGRALE SEMINARIO INFORMATIVO - FORMATIVO SULL' ’UNIONE EUROPEA - Auditorium Liceo Scientifico I.I.S. "G. GALILEI - T. CAMPAILLA" - MODICA - giovedì 21 marzo 2019 - ore 16.00. (video a cura di G. VIOLA, A.T.P. dell'Istituto).
Il prof. Luciano Nicastro, filosofo e sociologo, presidente della Sezione Iblea del M.F.E. ha relazionato sul tema “Per Il risveglio dell'Europa,  nuova patria di elezione, rete virtuosa  e politica  di tipo  federale, fondata su comuni valori  progettuali e  identiche radici spirituali. Rifondiamo l'Unione Europea (Costituzione, Diritti e Doveri  dei popoli e dei cittadini europei) e ricostruiamo la Politica della  Casa Comune”.
Il seminario, organizzato dal Liceo Scientifico "Galilei-Campailla" in collaborazione con la sezione iblea del M.F.E., rientra nell'ambito delle attività di "Cittadinanza e Costituzione" (legge 168/2008, C.M. 86/2010) inserite nel PTOF. Folto e attento l'uditorio, formato da oltre 180 persone (74 alunni delle quinte + 22 delle seconde classi del Liceo scientifico; 31 dei vari indirizzi del Liceo Artistico; 8 del Liceo Classico; 14 dell'I.T.S. "Archimede" di Modica; 15 docenti (8 dell'Istituto "Galilei- Campailla" + 5 dell' Archimede + 2 della Scuola secondaria di I grado Giovanni XIII", + alcuni cittadini modicani e ragusani, essendo stata la partecipazione al seminario aperta alla cittadinanza). Previsto il rilascio dell'attestato per i partecipanti.

Il prof. Luciano Nicastro, mercoledì 30 marzo 2011, INTERVIENE al Convegno organizzato con la sezione U.C.I.I.M. di Modica, che allora presiedevo, e l'Istituto "G. Verga, sul tema, ancora attualissimo, "Famiglia, Scuola, Istituzioni e Chiesa per una società umanizzata e umanizzante" «Per insegnare basta un maestro; per educare occorre un villaggio», CON UNA interessantissima RELAZIONE dal titolo “La nuova frontiera: gli educatori di strada nella città visibile e in quella invisibile”. 

IL VIDEO DEL CONVEGNO QUI SOTTO:

 

LUCIANO NICASTRO, FILOSOFO e SOCIOLOGO, PRESIDENTE M.F.E. RAGUSA.

BIOGRAFIA - Luciano Nicastro è nato a Ragusa nel 1942, laureato in Filosofia alla Cattolica di Milano e in Sociologia all'Università degli Studi di Urbino, è stato per molti anni professore di filosofia e storia al Liceo Scientifico "E. Fermi" di Ragusa. Filosofo e sociologo di orientamento "mounieriano", si è formato alla scuola metafisica di Gustavo Bontadini, Sofia Vanni Rovighi e Virgilio Melchiorre. Ha approfondito la sociologia della Scuola e dell'educazione con Marcello Dei e Luciano Benadusi come via per un nuovo personalismo comunitario e per un moderno riformismo "metodologico".

E' docente di antropologia filosofica presso l'Istituto teologico ibleo di Ragusa e docente di Sociologia dell'Immigrazione alla LUMSA di Caltanissetta.

Già consigliere nazionale delle Acli. Fa parte dell'Associazione "Antichi Studenti dell'Augustinianum" (Collegio Universitario della di Milano).

Ha pubblicato diversi libri, articoli e ricerche di filosofia, sociologia, religione e psico-pedagogia, oltre che sui temi di scuola e lavoro.

Informazioni più dettagliate sulle nuove ricerche e sulle  pubblicazioni più recenti si possono trovare  sul sito: http://www.lucianonicastro.it/

http://www.lucianonicastro.it/

CONDIVIDO IL MESSAGGIO del Prof. L. Nocastro, recapitatomi in data odierna (22 -03-2019):

Gent.ma prof.Maria Vittoria, grazie della splendida realizzazione dell'Evento Culturale e Formativo nel  suo Liceo Scientifico.

A lei il merito e ai suoi partecipanti il riconoscimento di una rara sensibilità europea e di un interesse motivato al dialogo e alla partecipazione.

La prego di far arrivare alle colleghe e ai colleghi la mia gratitudine.

I miei saluti più cordiali

prof.luciano nicastro

ALCUNE IMMAGINI DEL SEMINARIO:

Le foto sono state realizzate dal sig. G. Viola, dagli alunni della 5^A Scientifico Annalisa Moncada, Solarino Luigi, Spadaro Carlotta e dalla prof.ssa Maria Vittoria Mulliri, la quale ha, altresì, provveduto ad effettuarne la scelta e, apportate le opportune modifiche, la sistemazione e, infine, a corredarle delle didascalie.

 

Materiale sull'U.E. fornito dal prof. Salvatore Licitra

Offerto ai partecipanti dal Prof. Daniele Giannì che ha curato l'accoglienza.

Il Dirigente Scolastico

Prof. Sergio Carrubba

Il Dirigente Scolastico

Prof. Sergio Carrubba

Il D. S. prof. Sergio Carrubba

Accoglie i partecipanti

La Prof.ssa Maria Vittoria Mulliri

Rivolge il saluto ai presenti e introduce il seminario

L'Assessore alla Cultura Dott.ssa Maria Monisteri Caschetto

Onora con la sua egregia personalità il nostro Istituto.

La Prof.ssa Maria Vittoria Mulliri

Introduce il relatore

Il relatore

Prof. Luciano Nicastro

Gli oltre 180 uditori

silenziosi e attenti

II FASE del seminario

IL DIALOGO CON IL RELATORE

La prof.ssa M. V. Mulliri

presenta la prof.ssa Maria Grazia Baglieri

La prof.ssa Maria Grazia Baglieri

fervente sostenitrice dell'Europa unita per la pace.

La Prof.ssa Graziella Modica Scala

Docente di Diritto a.r., sempre in prima fila a favore dell'U.E.

La Prof.ssa Piera Dormiente

Docente di Lettere del Liceo Scientifico

La Prof.ssa Piera Dormiente

Pone due domande al relatore

Il Prof. Luciano Nicastro

Risponde alle domande

Federicomaria Bella - Studente della 4^ B del Liceo Classico

pone la sua domanda al relatore

L'uditorio

folto e partecipe fino alla conclusione del seminario

Il gruppo di docenti e alunni dell'"Archimede" di Modica

Proff. Mariangela Spampinato, Giovanni Zaccaria, Giuseppe Baglieri, Rosario Bracchitta.

La classe 5^A del Liceo Scientifico
Il gruppo degli adulti partecipanti al seminario

SPETTACOLO TEATRALE SUL TEMA DELLA BREXIT

Lunedì 25 marzo 2019 -Allo "Zo di Catania, Tom Corradini e Samuel Toye si confrontano e si scontrano simpaticamente sulla"Brexit". Presenti: le proff. Maria Vittoria Mulliri e Patrizia Roccaro, collega di Inglese, la classe 5^A Scientifico.  
 


 

Alcune immagini:

IL PROF. LEONARDO BECCHETTI e L'UNIONE EUROPEA

L'intervista è svolta a Modica da Radio Una Voce Vicina, il 14 marzo scorso, presso l'Istituto San Benedetto, durante il Corso di formazione "Benedetta economia!"- L'economia civile e le scuole si incontrano cercando il bene comune - Corso di formazione per docenti degli Istituti di ogni ordine e grado e per operatori economici ì/sociali e delle istituzioni impegnati sul versante dell'economia civile. Organizzatori del corso: I.I.S. "G.Galilei-T.Campailla" (prof. Maurilio Assenza), Fondazione Comunità Val di Noto, Casa don Puglisi, Progetto Policoro. Tra gli altri relatori del corso di 25 ore (7,8,14,15,20 marzo 2019): Alessandra Smerilli, Carlo Borgomeo, Aldo Bonomi, Salvatore Rizzo, Alessandro Puglia.

Modica: vista dall'Istituto San Benedetto,

Giovedì,14 marzo 2019

Locandina Corso di "Economia civile"
Locandina Corso di "Economia civile"
Corso di economia civile: alcune immagini

Da sinistra: Alessandro Puglia, giornalista di "Vita"; il prof. L. Becchetti; il prof. Maurilio Assenza

Il prof. Leonardo Becchetti

Alla destra del prof. Becchetti, il prof. R. Cannella; a sin. la prof.ssa Terranova

Il prof. Leonardo Becchetti

A destra, prof.ssa M.V. Mulliri; a sinistra, prof.ssa Patrizia Roccaro

Modica. L' economista Leonardo Becchetti, editorialista di Avvenire - Radio Una Voce Vicina Pubblicato il 14 marzo 2019.

INTERVISTA AL PROF. LEONARDO BECCHETTI - TGtg del 19 MARZO 2019 (TV2000 - CANALE 28)

PROGETTO "L'Europa per i giovani 2016 -17. Accoglienza, Integrazione, Diritti". "I numeri sono un problema, i volti sono un dramma" (C. Amendola)

 ESCAPE='HTML'
Immigrati naufraghi
Il volto della sofferenza

Locandina realizzata dai discenti dell'Indirizzo Artistico: disegni di Francesca Migliorino, grafica a cura di Loris Stracquadanio e Giovanni Zocco.

Locandina della Prof.ssa M. V. Mulliri

Non avendo ancora ricevuto la locandina  da parte degli studenti dell'Artistico, mancando ormai un solo giorno all'incontro del 25 novembre, avevo provveduto personalmente a realizzarne una, utilizzando i disegni di Francesca Migliorino. Nella grafica domina il rosso, simbolo del sangue dei numerosi immigrati che hanno perso e continuano a perdere la loro vita o i propri familiari nei nostri mari. I caratteri sono spigolosi e allungati a simboleggiare le immagini strazianti di un'umanità in fuga dalla morte, ma che, spesso, va incontro alla morte, nel disperato tentativo di approdare alle nostre coste, inseguendo il sogno di una vita migliore in Europa. Inizialmente, pensavo di non pubblicare la mia locandina, felice di avere ricevuto quella dei nostri alunni, obiettivamente superiore per tecnica e stile, ma, esortata dalle colleghe, la inserisco.

NASCE L'IDEA DEL PROGETTO! Grazie "Frans" !

 ESCAPE='HTML'

Nell'afoso pomeriggio dell' 1 settembre 2016, presso il Teatro Greco di Siracusa, una folla di cittadini siciliani e non solo, molti dei quali impegnati in prima linea sul fronte dell'accoglienza e dell'integrazione, attende fragorosa l'arrivo del Primo Vice Presidente della Commissione europea, Frans Timmermans, per dialogare con lui di Europa, immigrazione e rifugiati. L'incontro, previsto per le 19.00, ma iniziato circa un'ora più tardi, è magistralmente moderato da Beppe Severgnini, giornalista, scrittore, editorialista del Corriere della Sera. I punti cardine del discorso di "Frans", entrato subito in empatia con gli interlocutori, sono i seguenti:

- "L'Europa non lascerà l'Italia sola, farà quello che potrà";

- "In tanti paesi europei c'è difficoltà ad accettare i migranti", ma è "un nostro dovere morale" accoglierli;

- "Dobbiamo prenderci tutti la nostra responsabilità: gli altri paesi devono prendere i rifugiati che sono arrivati in Italia";

- "Dobbiamo anche proteggere le frontiere insieme, da europei, non soltanto l'Italia, e dobbiamo anche fare quel compact coi paesi africani per creare sviluppo in questi paesi, così la gente resta lì e non viene qui". 

A conclusione dell'evento, con molta determinazione e un po' di sfacciataggine, insinuandoci tra la folla di giornalisti, fotografi professionisti e non, varcato il cordone di poliziotti, riusciamo a scambiare poche battute col protagonista e a immortalarne con qualche scatto l'incontro.

E' allora che, discutendo dell'argomento con i compagni di viaggio, tra cui Fethia, conosciuta proprio in quell'occasione, mi è nata l'idea del Progetto, che fosse incentrato quest'anno proprio sul tema dell'accoglienza, dell'integrazione degli immigrati e dei diritti, un tema oggi prioritario, su cui potrebbe giocarsi il destino stesso della nostra Unione.

                                                                                                      Maria Vittoria Mulliri

 

Gruppo Siracusa, 01 settembre 2016

1° INCONTRO FORMATIVO: EVENTO "NESSUNO ESCLUSO", Cineplex Ragusa, 20 - X - 2016

L'Evento "Nessuno escluso" presso CINEPLEX di Ragusa.
Presentazione dell'Evento su facebook
il gruppo presso il Cineplex di Ragusa

Organizzato a Milano da Cecilia e Gino Strada e trasmesso via satellite in 104 cinema italiani.

Emergency di Pozzallo presenta l'iniziativa
Cecilia e Gino Strada, Presidente e Fondatore di Emergency
I nostri studenti
La sala del Cineplex di Ragusa gremita di studenti
Gino Strada
A conclusione dell'Evento
Commento personale sulla pagina fb realizzata da Emergency

2° INCONTRO FORMATIVO, Modica, 25 - XI - 2016

 ESCAPE='HTML'
Nell'attesa di cominciare
Si comincia: intervento della Dott.ssa Laura Rizza

"Le politiche europee in materia di asilo e immigrazione"

Intervento di Fethia Bouhajeb, Mediatrice culturale

" La difficile integrazione della donna musulmana nella società occidentale".

Intervento dell' Avv. Giorgio Nobile

"Tutele antidiscriminatorie nell'Unione Europea"

I PARTE

CONVEGNO

Tema: "L'INTEGRAZIONE E I DIRITTI"

La Dott.ssa Laura Rizza e la sua RELAZIONE!

La Dott.ssa Laura Rizza ha svolto in maniera chiara ed esaustiva la sua relazione sul tema "Le politiche europee in materia di asilo e immigrazione". La trattazione, incentrata, nella prima parte, sul quadro normativo, ha chiarito le competenze dell'Unione in materia di trattamento dello straniero; nella seconda, ha spiegato il ruolo della Corte europea dei diritti dell'uomo e della Corte di giustizia.

Vedi materiale allegato, gentilmente fornito, per consentire ulteriori momenti di approfondimento e riflessione sul tema.

Fethia Bouhajeb: "Storie di donne senza storia"; la "Difficile integrazione della donna musulmana nella società occidentale"

 ESCAPE='HTML'

L'Avv. Giorgio Nobile: "Tutele anti- discriminatorie nell'Unione Europea"

 ESCAPE='HTML'

IL GRUPPO IN PAUSA!

 ESCAPE='HTML'
La Prof.ssa Monica Castagnetta, docente di Lingua inglese.

II PARTE

ESERCITAZIONE PRATICA

presso il LABORATORIO DI INFORMATICA DELL'ISTITUTO

sul CASO

" TARAKHEL CONTRO SVIZZERA"

Gruppo alunni in laboratorio

Accogliendo l'invito della Ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, allego il DISCORSO che il nostro PRESIDENTE della REPUBBLICA, Sergio Mattarerella, ha tenuto davanti alle Camere in seduta congiunta mercoledì 22 marzo scorso, in occasione del         

60° ANNIVERSARIO dei TRATTATI di ROMA

che rappresentano l'atto di nascita dell'Unione Europea

La lettura di questo documento offre lo spunto per riflettere sull'Unione (che, come ricorda il Presidente nel suo discorso,  “è stata uno strumento essenziale di stabilità e di salvaguardia della pace, di crescita economica e di progresso, di affermazione di un modello sociale sin qui ancora ineguagliato, fatto di diritti e civiltà”) e per trasmettere i valori che hanno ispirato la sua fondazione ai giovani, veri protagonisti del futuro dell'Europa unita. Maria Vittoria Mulliri.
 

Interviste- Articoli - Video

Il Progetto dell' Anno Scolastico 2013 - 2014

_______________________________

A. S. 2013 -14

PROGETTO

"L'EUROPA PER I GIOVANI 2014.DOVE VA L'EUROPA? L'EUROPA VICINA"

"Uniti nella diversità "